• 1

    “ … non si vede bene che con il cuore.
    L’essenziale è invisibile agli occhi”.

    (Il Piccolo Principe)

  • 2

    Chi nel cammino della vita ha acceso
    anche soltanto una fiaccola
    nell’ora buia di qualcuno,
    non è vissuto invano.

    (Madre Teresa)

  • 3

    Se tu permetti alla luce di splendere
    inconsciamente dai agli altri
    il permesso di fare lo stesso.
    (Nelson Mandela)

logo

E’ uno spazio

Una “porta aperta” per accogliere quel momento di fatica o di difficoltà personale, di coppia o di famiglia,  attraverso l’incontro e la relazione con operatori volontari che, in completa riservatezza e nel rispetto della libertà e dignità della persona, possono accompagnare e fare luce verso scelte autonome e consapevoli.  
E’ rivolto a quanti cercano la soluzione a bisogni primari, ma anche a coloro che soffrono di una povertà oggi trascurata.  La povertà di non poter parlare di sé con qualcuno capace di ascoltarli e di affrontare insieme criticità anche improvvise e/o temporanee, verso possibili soluzioni.

vignetta

E’ un’esperienza

“Ascoltare – scrive Papa Francesco – significa anche essere capaci di condividere domande e dubbi, di percorrere un cammino fianco a fianco, di affrancarsi da qualsiasi presunzione di onnipotenza e mettere umilmente le proprie capacità e i propri doni al servizio del bene comune”.

E’ una ripartenza

Sentirsi  ascoltati è la  strada per riconoscere, esplorare e comprendere un proprio disagio o una propria difficoltà. La possibilità di poter condividere attraverso il dialogo le situazioni che ci tolgono serenità, è il primo passo per cercare di affrontare con speranza e consapevolezza quanto crea sofferenza e preoccupazione nella nostra quotidianità.

Contatti

Aperto il Sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.00.
Accesso gratuito, previo appuntamento telefonico.

E' possibile contattare la segreteria al numero telefonico: +39 340 2316964
oppure compilando il seguente modulo:

Acconsento al trattamento dei miei dati secondo Normativa Privacy D. Lgs 196/2003.